246

Caffè alla Stazione

Piazza della Libertà, 3

Trieste

Descrizione

Oggi completamente rinnovato, il Caffè alla Stazione ospitava fino al 1955 le tele di alcuni dei più noti pittori triestini, in seguito passate alla collezione della locale Cassa di Risparmio. Qui, negli anni '20, a un tavolino posto sotto a un dipinto di Eugenio Scomparini, è solito lavorare Giani Stuparich.

Nel suo libro di memorie Trieste nei miei ricordi, è lo stesso Stuparich a riferire che in questo locale si recava quando lavorava alle sue opere Colloqui con mio fratello (1925) e Racconti (1929) e che qui conversava a lungo con gli amici, Virgilio Giotti in particolare.




Mappa